Sono già passate tre settimane dalla Rimini Marathon che si è disputata il 29 Aprile 2018. Come per l’anno scorso, la mia azienda è stata main sponsor dell’evento e alla richiesta di partecipazione non potevo certo tirarmi indietro, tra l’altro è il mio hobby preferito.

Dopo un periodo di relax dalle gare agonistiche ho deciso di ricontattare il mio allenatore, nonché il mio mentore “Armando Martini” e riprendere gli allenamenti nei tre mesi precedenti la gara. Obiettivo…? Preparare al meglio la TenMiles (16093 metri) che si disputava nello stesso giorno della maratona.

Recuperare il ritmo dopo un periodo di stop non è stato assolutamente un’impresa facile, fatica e determinazione sono stati gli ingredienti necessari per poter affrontare la gara nei migliore dei modi. Allenamenti con i colleghi che mi hanno spronato e incoraggiato, per questo ringrazio in particolar modo i due Alessio, Fabio, Cristian e Cristiano.

La settimana prima dell’evento decisi di fare un test sulla preparazione atletica correndo 10 km alla Cecchignola di Corsa, proprio all’interno della caserma militare, e devo dire che le aspettative si dimostrarono sopra ogni attesa, gara chiusa in 35’53 nonostante i cambi di ritmo dovuti alle numerose curve presenti nel percorso. Quindi i presupposti per fare una buona gara c’erano tutti!

Partiamo per Rimini con la famiglia per passare un weekend all’insegna del divertimento e dello sport. Rimini si presenta, come ogni anno, sempre molto affascinante, lungomare già super affollato nel mese di Aprile, negozi e locali aperti fino tarda notte e tanta tanta movida. Le serate sono state ancora più divertenti grazie alle giornate passate con i simpaticissimi colleghi Andrea, Marco e le rispettive famiglie.

La mattina della gara l’adrenalina e la tensione aumentano sempre di più, facciamo la foto di rito sotto l’arco Novomatic, con tutti i colleghi, nei pressi dell’Arco di Augusto e ci dirigiamo alla partenza per il riscaldamento aspettando la partenza.

Riesco, per fortuna, a posizionarmi in prossimità della partenza, l’intrattenimento degli speaker aiuta a diminuire la tensione. Allo sparo, del giudice di gara, la concentrazione è al massimo e incentrata solo sulla gara riuscendo a rimanere con il gruppo di testa fino a quando incontriamo sul percorso gli ultimi atleti della maratona. Qui la parte più difficile, il caldo inizia a farsi sentire notevolmente, bisogna cercare di non perdere il ritmo nel superare i gruppi di runners che si fermavano ai ristori.

Purtroppo al 9° km, per deviare un gruppo di atleti, appoggio male il piede tra il marciapiede e un tratto di sterrato composto da erba e sabbia, stringo i denti e vado avanti con l’unico obiettivo di portare a termine la gara.

Arrivati sul Ponte di Tiberio, la gara è quasi conclusa e vedere all’arrivo mia moglie e per la prima volta mio figlio di appena 11 mesi è stata la gioia più grande…!

Porto a casa una bella gara chiusa in 1:02:08 giunto in 24 esima posizione assoluta e 5° di categoria.

Prossimo appuntamento? Correre alla Race for the Cure per contribuire alla lotta contro il tumore al seno!

Dettagli Ritmo gara

Photogallery

#altrarunning #teamaltra #teamaltrared #zerolimits

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *